Home / Media - Novità / Comunicati e notizie / Coronavirus: i trapianti di staminali hanno tenuto. Calo lieve, dati già in ripresa

Coronavirus: i trapianti di staminali hanno tenuto. Calo lieve, dati già in ripresa

COMUNICATO


trapianti staminali e coronavirus

REPORT DATI TRAPIANTI CSE PRIMO QUADRIMESTRE 2020 (pdf)

L’attività di trapianto di cellule staminali emopoietiche ha retto l’urto della pandemia: lo confermano i dati del primo quadrimestre del 2020 pubblicati dal Centro nazionale trapianti, dal Registro italiano Ibmdr e dal Gitmo (Gruppo italiano per il trapianto di midollo osseo, cellule staminali emopoietiche e terapia cellulare). Dal 1 gennaio al 30 aprile di quest’anno sono stati complessivamente 1679 i trapianti effettuati rispetto ai 1775 dello stesso periodo del 2019
(-5,4%): una sostanziale tenuta a fronte delle molte difficoltà logistiche imposte dalle misure Covid. Il calo più consistente è avvenuto a marzo (-26,9% in confronto allo stesso mese nel 2019) ma un primo recupero dell’attività è stato visibile già ad aprile (-9,6%) e i dati provvisori di maggio sembrano confermare il trend in salita.

Leggermente più contenuto è stato il calo dei trapianti autologhi rispetto a quelli allogenici: -5,2% per le procedure (1097) realizzate a partire dalle cellule staminali del paziente stesso contro una diminuzione del 5,8% (582) per i trapianti che hanno richiesto un donatore. A causa del lockdown internazionale l’indicazione della Rete trapiantologica era stata quella di limitare le richieste di donazioni da alcuni Paesi esteri alle situazioni di urgenza nei casi di unicità del donatore e di assenza di donatori familiari o iscritti al Registro italiano: questo spiega la lieve riduzione dei trapianti da donatore non consanguineo (passati da 268 a 258, -3,7%) e il sensibile aumento di quelli da donatore familiare parzialmente compatibile (+13,6%, da 191 a 217). I trapianti da donatore familiare compatibile sono invece scesi dai 159 del primo quadrimestre 2019 ai 107 del 2020.

Per quanto riguarda invece le fonti della donazione, l’opzione del prelievo da sangue periferico resta quella largamente preferita (il 90,6% dei trapianti è stato effettuato con cellule staminali con questa origine), seguita dal prelievo da midollo osseo (8,4%), mentre solo l’1% degli interventi è stato realizzato grazie al sangue cordonale o all’uso combinato di una delle tre sorgenti. Nei mesi della crisi sanitaria l’utilizzo di sangue periferico è ulteriormente aumentato a causa dei riassetti organizzativi degli ospedali, dato che molte sale operatorie, necessarie per il prelievo di midollo, sono state dedicate ai pazienti Covid.

“I primi dati del 2020 ripagano l’impegno della Rete trapiantologica nella gestione dell’emergenza”, commenta Letizia Lombardini, direttrice dell’area medica del Cnt. “Le prime misure di sorveglianza infettivologica sono scattate già a gennaio e subito dopo abbiamo adottato tutte le strategie necessarie per continuare a garantire le cure a tutti i pazienti che ne avevano bisogno. La risposta organizzativa è stata immediata e il merito va anche alla forte sinergia tra il livello nazionale, il Registro Ibmdr, i Centri regionali trapianto e la rete clinica dei programmi di trapianto attiva nei singoli ospedali”.

“Malgrado le enormi difficoltà nel trasporto delle cellule staminali emopoietiche donate da non familiare, grazie ad una cooperazione nazionale e  internazionale eccezionale fra registri donatori, Istituzioni, rete donativa e corrieri, siamo riusciti a far fronte alla chiusura dei confini e alla soppressione della quasi totalità dei collegamenti aerei e a garantire comunque la possibilità di trapianto ai pazienti”, dichiara Nicoletta Sacchi, direttore  dell’Ibmdr. “Abbiamo anche allestito e garantito, in tutta Italia, un percorso sicuro e protetto per tutti i nostri donatori, ma dobbiamo comunque ringraziare oltre 100 ragazzi iscritti all’Ibmdr che anche nei mesi di lockdown e di paura nell’avvicinarsi ad un ospedale hanno comunque deciso di donare e salvare una vita”.

“Sin dai primi giorni dell’arrivo dell’epidemia, la rete dei centri trapianto di cellule staminali si è data l’obiettivo di garantire la massima continuità di cura ai pazienti già in lista e in corso di valutazione”, spiega Fabio Ciceri, presidente del Gitmo. “Insieme alla Società italiana di ematologia abbiamo elaborato e condiviso modalità organizzative volte alla massima tutela dei pazienti con indicazione clinica di trapianto. Anche nel follow-up post trapianto le attività sono proseguite a garanzia della gestione accurata di questa fase delicata”.

Anche nella fase 3 continua l’impegno della Rete nazionale nell’assistenza e nell’informazione rivolta ai pazienti in attesa di trapianto: a loro è rivolto un webinar dal titolo “Donazione e trapianto di cellule staminali emopoietiche ai tempi del coronavirus” che sarà trasmetto il prossimo 13 luglio sul sito web del Cnt. Obiettivo dell’iniziativa è quello di fare il punto dell’attività nel periodo Covid e di affrontare gli aspetti clinici e psicologici legati alla condizione dei pazienti durante la pandemia, attraverso l’intervento di esperti e la testimonianza diretta di donatori e trapiantati.

[COMUNICATO STAMPA N. 15/2020]


Data di pubblicazione: 8 luglio 2020 , ultimo aggiornamento 9 luglio 2020


Condividi

Novità


Media

.