Home / Media - Novità / Comunicati e notizie / #Covid-19 e Fase 2: “Abbiamo bisogno di nuovi donatori di midollo osseo”

#Covid-19 e Fase 2: “Abbiamo bisogno di nuovi donatori di midollo osseo”

NOTIZIA


Durante l’emergenza sanitaria del Covid-19, seppur tra criticità organizzative e logistiche, i trapianti di cellule staminali non si sono mai arrestati e la continuità di cura è stata assicurata ai tanti pazienti affetti da malattie onco-ematologiche. In queste settimane di lockdown e di limitazioni al traffico aereo, abbiamo raccontato dei tanti sforzi messi in campo per far arrivare in sicurezza le preziose cellule salvavita da tutto il mondo.

Eppure, se l’assistenza ai pazienti è stata garantita, negli ultimi due mesi abbiamo assistito ad un drastico calo di iscrizioni al Registro IBMDR; parliamo di giovani tra i 18 e i 35 anni, in buona salute e con un peso superiore ai 50 kg. Nei mesi di marzo e aprile 2020, la contrazione è stata pari al 50% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; questo trend negativo non può essere sostenibile a lungo termine perché il Registro IBMDR necessita di un flusso costante e regolare di nuovi iscritti in grado di incrementare i profili genetici disponibili nell’inventario. Riprendere l’attività di promozione della donazione e di reclutamento, che rappresenta un Livello Essenziale di Assistenza (LEA), è strategico anche per l’intero Servizio Sanitario Nazionale; come ricorda la nota del Ministero della salute, il ricorso a donatori esteri richiede uno sforzo importante sotto tutti i punti di vista, come quello logistico e finanziario.

Nella cosiddetta “Fase 2” il Ministero della salute invita le Regioni e Provincie Autonome, nel rispetto dei peculiari sistemi sanitari, a rafforzare il legame esistente tra il percorso dedicato ai donatori di sangue e quello di staminali emopoietiche all’interno dei centri trasfusionali, sedi di centri donatori e poli di reclutamento afferenti al Registro IBMDR. Tra le raccomandazioni, la possibilità di prevedere la presenza dei volontari delle associazioni di settore- come ADMO, ADOCES e ADISCO- presso i centri donatori per svolgere attività di informazione e sensibilizzazione sul tema. La presenza dei volontari dovrà avvenire nel pieno rispetto delle misure di prevenzione che ciascuna struttura ospedaliera ha messo in atto per contrastare il contagio del nuovo Coronavirus.

Infine, ricordiamo che gli spostamenti per sottoporsi allo screening necessario all’iscrizione al Registro IBMDR sono sempre consentiti (come per il sangue); negli ospedali sono stati attivati percorsi dedicati e protetti a tutela dei donatori. Invitiamo tutti a usare i servizi di pre-registrazione online al Registro IBMDR in modo tale da calendarizzare gli appuntamenti per lo screening e gli accessi ai centri.

  • Consulta la nota del Ministero della salute
  • Visita la pagina del Registro IBMDR per gli approfondimenti
  • Scopri il centro donatori più vicino a te


Data di pubblicazione: 4 maggio 2020 , ultimo aggiornamento 4 maggio 2020


Condividi

Novità


Media

.